BON “IL CIOCCOLATINO BUONO CHE FA BENE”

Le migliori mandorle pugliesi biologiche ricoperte di cioccolato fondente 100% naturale, arricchito di olio di semi di lino crudo biologico ricco in omega 3.

Il cioccolatino BON è la coccola golosa che aiuta a saziare la fame emozionale attraverso due strategie:

un’immediata sensorialità e un effetto depot che come un farmaco, prolunga nel tempo l’effetto di benessere dovuto all’assunzione del cioccolato. Il tutto coadiuvato e amplificato dalla presenza dei preziosi acidi grassi omega 3.

Il cioccolatino BON è dolcificato con una piccolissima quota di zucchero di canna grezzo che magnifica il gusto e compensa i fabbisogni glicemici della giornata.

Le mandorle sono una fonte eccellente di magnesio e di antiossidanti: aiutano a proteggerti dallo stress ossidativo, che può danneggiare le cellule e contribuire all’invecchiamento. Sono tra le migliori fonti di vitamina E al mondo, possono aiutare a controllare la glicemia e apportano molti grassi sani, proteine e fibre. Forniscono infine notevoli quantità di magnesio, il sale minerale alcalino per eccellenza.

Per approfondire le caratteristiche vedi sotto

Per essere tra i primi a gustare i cioccolatini BON ci sono due possibilità:

1. Ordina i cioccolatini BON direttamente a casa tua

Ordine minimo 50 euro per 10 confezioni di cioccolatini (comprese spese di spedizione).
Invio cioccolatini (prodotto artigianale) entro tre settimane dall’ordine.

Pagamento con BONIFICO:
MadeByMilan S.r.l.
Via Fratelli Ruffini 10 – 20123 Milano – Italia
Codice Fiscale / P. IVA: IT09073880966
Banco Popolare, IBAN: IT46O0503401636000000044026

Nome e cognome (richiesto)
Indirizzo email (richiesto)
Telefono (richiesto)
Indirizzo (richiesto)
CAP (richiesto)
Città (richiesto)
Provincia (richiesto)
Codice Fiscale o P.IVA (richiesto)

Numero di confezioni (richiesto)

Accetto le modalità di trattamento dei dati personali

2. Cerca il punto vendita più vicino a te

Lascia la tua mail così ti manderemo l’elenco dei punti vendita dove potrai acquistare i cioccolatini Bon.

Nome e cognome (richiesto)

Indirizzo email (richiesto)

Indirizzo (richiesto)
CAP (richiesto)
Città (richiesto)
Provincia (richiesto)

Accetto le modalità di trattamento dei dati personali

Sei un punto vendita e sei interessato a vendere i cioccolatini Bon
e/o a richiedere i servizi di “Bon Cibo buono che fa bene”?

Scrivici a questo indirizzo: commerciale@cibobuonochefabene.it
Verrai contatto da un nostro responsabile

Il cioccolatino Bon: perché è “buono che fa bene”?

Abbiamo selezionato le migliori mandorle pugliesi biologiche e le abbiamo ricoperte di cioccolato fondente arricchito di olio di semi di lino crudo biologico ricco in omega 3.

Esiste una fame organica che serve a soddisfare i fabbisogni vitali, energetici e strutturali del corpo, e una fame emozionale la cui soddisfazione può influenzare i livelli dell’umore e conseguentemente le nostre capacità intellettive, creative e di relazione.

Il cioccolatino BON è la coccola golosa che aiuta a saziare la fame emozionale attraverso due strategie:

  • un’immediata sensorialità che appaga e stimola i neurorecettori appena messo in bocca. La componente grassa ovvero il burro di cacao, contenuto nel cioccolato si distribuisce su tutte le mucose del cavo orale trasportando con sé le molecole aromatiche responsabili di odore, profumi e sapori di altissima gratificazione, che attraverso le afferenti nervose raggiungono le aree del cervello intermedio adibite proprio al riconoscimento del piacere e dell’appagamento. E già questo nutre attraverso una forte emozione il buonumore.
  • un effetto depot che come un farmaco, prolunga nel tempo l’effetto di benessere dovuto all’assunzione del cioccolato: dalla sua digestione entrano in circolo sostanze psicoattive e neuroattive molto importanti: magnesio, serotonina e teobromina. Il tutto coadiuvato e amplificato dalla presenza dei preziosi acidi grassi omega 3.

Ad esempio, il magnesio contribuisce al buon umore attraverso una stabilizzazione dei neurotrasmettitori, la serotonina alimenta il pool serotoninergico della corteccia cerebrale adibita alla positività, mentre la teobromina, che non a caso significa cibo degli dei, che è una sostanza molto simile alla caffeina è in grado di sostenere la arousal neurotrasmettitoriale ovvero l’illuminazione delle idee e dei pensieri creativi. E non dimentichiamo poi gli acidi grassi polinsaturi di cui è ricco contribuiscono a conservare l’integrità delle membrane e delle guaine nervose.

La piccola traccia di zucchero di canna grezzo, può magnificare la sensorialità mediata in bocca e può rappresentare dal punto di vista metabolico un piccolo snack che compensa i fabbisogni glicemici durante attività concettuali intense.

Per il nostro cioccolatino Bon abbiamo scelto le mandorle.

  • Le mandorle vantano un profilo nutrizionale incredibilmente ricco, sono una fonte eccellente di magnesio, manganese, rame, vitamine del gruppo B ed E. Contengono un elevato quantitativo di fitosteroli e acidi grassi buoni costituiti in prevalenza da grassi monoinsaturi, in particolare l’acido oleico, che hanno effetti ipocolesterolemizzanti. Apportano molte fibre che contribuiscono a regolarizzare i livelli di zuccheri nel sangue e in più aiutano a ridurre l’appetito.
  • Le mandorle sono una fantastica fonte di antiossidanti: aiutano a proteggerti dallo stress ossidativo, che può danneggiare le cellule e contribuire all’invecchiamento.
  • Le mandorle sono tra le migliori fonti di vitamina E al mondo, diversi studi hanno collegato l’assunzione di vitamina E con tassi più bassi di malattie cardiache, cancro e malattia di Alzheimer.
  • Le mandorle possono aiutare a controllare la glicemia: apportano molti grassi sani, proteine e fibre.
  • Le mandorle apportano notevoli quantità di magnesio, il sale minerale alcalino per eccellenza.
  • Il magnesio è un minerale coinvolto in oltre 300 processi metabolici, compreso il controllo della glicemia.
  • Risulta che il 25-38% dei diabetici di tipo 2 è carente di magnesio e la correzione della carenza riduce significativamente i livelli di zucchero nel sangue e migliora la funzione dell’insulina.
  • Il magnesio ha anche benefici per i livelli di pressione sanguigna, svolge un’azione distensiva e calmante, attenuando l’eccitabilità dei muscoli e dei nervi. Una carenza di magnesio è strettamente legata ai problemi di pressione arteriosa, indipendentemente dal fatto che si sia in sovrappeso o meno.
  • Il magnesio è molto efficace per sciogliere i crampi e rilassare le tensioni, ed è consigliato per questo anche in caso di mal di testa, contro il nervosismo, e in caso di problematiche a carico dell’apparato gastrointestinale dove la tensione gioca un ruolo da protagonista (dolori allo stomaco, intestino irritabile).

A queste preziose proprietà si aggiungono la sua capacità di agire contro l’ossidazione e l’acidificazione e quella di normalizzare i processi biochimici che avvengono all’interno delle cellule in particolare quella di muscoli, cervello e nervi.

Ciò che si mangia può avere effetti importanti sui livelli di LDL (colesterolo cattivo) e alcuni studi hanno dimostrato che le mandorle proteggono l’LDL dall’ossidazione, che è un passo cruciale nel processo di cardiopatia.

Le mandorle hanno un basso contenuto di carboidrati e un alto contenuto di proteine e fibre.

Sia le proteine che le fibre sono noti per aumentare la sazietà. Aiutano le persone a sentirsi più sazi, quindi aiutano a mangiare meno calorie. Numerosi altri studi supportano gli effetti delle mandorle sulla fame.

Sono incredibilmente efficaci per la perdita di peso: alcuni composti contenuti nelle mandorle, aumentano il senso di sazietà e stimolano il metabolismo, riducendo al contempo l’assorbimento dei grassi.

Circa il 10-15% delle calorie delle mandorle non viene assorbito, e ci sono alcune prove che l’assunzione possa aumentare leggermente il metabolismo. Aiutano a ridurre la circonferenza della vita e nonostante siano ricche di grassi, le mandorle sono sicuramente un alimento utilissimo per la perdita di peso.

Il cioccolatino Bon contiene cioccolato fondente arricchito di Omega 3 da semi di lino.

L’olio di semi di lino contiene acido alfa-linolenico (ALA), una forma di acido grasso omega-3 che viene convertito solo in piccole quantità in forme attive di omega-3, come EPA e DHA.

Gli acidi grassi omega-3 sono essenziali per la salute e sono stati associati a benefici come una ridotta infiammazione, una migliore salute del cuore e una protezione per il cervello contro l’invecchiamento.

L’olio di semi di lino può anche migliorare l’elasticità delle arterie. Sia l’invecchiamento che l’aumento della pressione sanguigna sono generalmente collegati a una diminuzione dell’elasticità dei vasi sanguigni.

Questi benefici sono probabilmente dovuti all’elevata concentrazione di acidi grassi omega-3 nell’olio di semi di lino, poiché l’integrazione con esso ha dimostrato di aumentare significativamente la quantità di omega-3 nel sangue.

Inoltre, numerosi studi hanno dimostrato che gli acidi grassi omega-3 migliorano la salute del cuore, con benefici come la riduzione dell’infiammazione e l’abbassamento della pressione sanguigna.

Riferimenti bibliografici

Richard D Mattes PhD, RD and Mark L Dreher PhD
Nuts and healthy body weight maintenance mechanisms
Asia Pac J Clin Nutr 2010;19 (1):137-141 137

Peter R Ellis, Cyril WC Kendall, Yilong Ren, Charlotte Parker, John F Pacy, Keith W Waldron, and David JA Jenkins
Role of cell walls in the bioaccessibility of lipids in almond seeds
American Society for Clinical Nutrition 2004

Garrido I1, Monagas M, Gómez-Cordovés C, Bartolomé B.
Polyphenols and antioxidant properties of almond skins: influence of industrial processing.
J Food Sci. 2008 Mar;73(2):C106-15.

Bolling BW1, McKay DL, Blumberg JB.
The phytochemical composition and antioxidant actions of tree nuts.
Asia Pac J Clin Nutr. 2010;19(1):117-23.

Bolling BW1, Chen CY, McKay DL, Blumberg JB.
Tree nut phytochemicals: composition, antioxidant capacity, bioactivity, impact factors. A systematic review of almonds, Brazils, cashews, hazelnuts, macadamias, pecans, pine nuts, pistachios and walnuts.
Nutr Res Rev. 2011 Dec;24(2):244-75

Ning Li3, Xudong Jia3, C.-Y. Oliver Chen4, Jeffrey B. Blumberg4, Yan Song3, Wenzhong Zhang3, Xiaopeng Zhang3, Guansheng Ma3, and Junshi Chen3
Almond Consumption Reduces Oxidative DNA Damage and Lipid Peroxidation in Male Smokers
American Society for Nutrition

David J. A. Jenkins2–5*, Cyril W. C. Kendall, Andrea R. Josse, Sara Salvatore, Furio Brighenti, Livia S. A. Augustin, Peter R. Elli, Edward Vidgen, and A. Venket Rao

Almonds Decrease Postprandial Glycemia, Insulinemia, and Oxidative Damage in Healthy Individual
American Society for Nutrition

Stampfer MJ1, Hennekens CH, Manson JE, Colditz GA, Rosner B, Willett WC
Vitamin E consumption and the risk of coronary disease in women.
N Engl J Med. 1993 May 20;328(20):1444-9
Am J Epidemiol. 1994 Jun 15;139(12):1180-9.

Antioxidant vitamin intake and coronary mortality in a longitudinal population study.
Knekt P1, Reunanen A, Järvinen R, Seppänen R, Heliövaara M, Aromaa A
Arch Neurol. 2002 Jul;59(7):1125-32.

Brady, H, Ryan, M, Horgan, J. Magnesium: The forgotten cation. Ir J Med 1987; 9: 250–3.

Whang, R. Magnesium Deficiency: Pathogenesis, prevalence and clinical implications. Am J Med 1987; 82 (suppl 2A): 24–9.

Boyd, JC, Bruns, DE, Wills, MR. Frequency of hypomagnesaemia in hypokalemic states. Clin Chem 1983; 29: 178–9.

Whang, R, Aikawa, JK, Oei, TO, Hamiter, T. Routine serum magnesium determination: An unrecognised need. In: Cantin, M, Sellig, M, eds. Magnesium in Health and Disease New York: SP Medical and Scientific Books, 1980: 1–5.

Rayssiguier, Y. Role of magnesium and potassium in the pathogenesis of arteriosclerosis. Magnesium 1984; 3: 226–38.

Ryan, MP, Brady, H. The role of magnesium in the prevention and control of hypertension. Ann Clin Res 1984; 16: 81–9.

Altura, BM. Sudden-death ischaemic heart disease and dietary magnesium intake; is the target site coronary vascular smooth muscle? Med Hypothesis 1979; 5: 843–8.

Iseri, LT, Freed, J, Bures, AR. Magnesium deficiency and cardiac disorders. Am J Med 1975; 58: 837.

Alvarez-Leefmans, FJ, Giraldez, F, Gamino, SM. Intracellular free magnesium in excitable cells: Its measurement and biologic significance. Can J Physiol Pharmacol 1987; 65: 915–25. Google Scholar, Crossref, Medline

Gunther, TH. Biochemistry and pathobiochemistry of magnesium. Magnesium Bull 1981; 3: 91–101.

Turlapaty, PDMV, Altura, BM. Extracellular Mg ions control calcium exchange and content of vascular smooth muscle. Eur J Pharmacol 1978; 52: 421–3.

Anast, CS, Gardner, DW. Magnesium metabolism. In: Brenner, E, Coburn, TW, eds. Disorders of Mineral Metabolism, Vol. 3. New York: Academic Press, 1981; 423–506.

Roden, DM, Iansmith, DHS. Effects of low potassium and magnesium concentrations on isolated cardiac tissue. Am J Med 1987; 82: (suppl 3A): 18–23.

Ryan, MP, Ryan, MF. Muscle calcium accumulation during magnesium deficiency in the rat. Biochem Soc Trans 1977; 5: 1744.

Shils, ME. Magnesium in health and disease. An Rev Nutr 1988; 8: 429–60.

Zumkley, H, Lehnert, H. Magnesium, potassium and hormonal regulation. Magnesium 1984; 3: 239–47.

Jones, JE, Desper, PL, Shane, SR, Flink, EB. Magnesium metabolism in hyperthyroidism and hypothyroidism. J Clin Invest 1961; 45: 891.

Chipperfield, B, Chipperfield, JR, Behr, G, Burton. Magnesium and potassium content of normal heart muscle in areas of hard and soft water. Lancet 1976; i: 121–2.

Karppanen, H. Epidemiological studies on the relationship between magnesium intake and cardiovasuclar disease. Artery 1981; 9: 190–9.

Seelig, MS. Magnesium Deficiency in the Pathogenesis of Disease: Early Roots of Cardiovascular, Skeletal and Renal Disease. New York: Plenum Publishing, 1980.

De Lordes Lima M1, Cruz T, Pousada JC, Rodrigues LE, Barbosa K, Canguçu V.The effect of magnesium supplementation in increasing doses on the control of type 2 diabetes.

Diabetes Care. 1998 May;21(5):682-6.

Rodríguez-Morán M1, Guerrero-Romero F.
Oral magnesium supplementation improves insulin sensitivity and metabolic control in type 2 diabetic subjects: a randomized double-blind controlled trial.
Diabetes Care. 2003 Apr;26(4):1147-52.

Diabetes Obes Metab. 2011 Mar;13(3):281-4. doi: 10.1111/j.1463-1326.2010.01332.x.
Oral magnesium supplementation reduces insulin resistance in non-diabetic subjects – a double-blind, placebo-controlled, randomized trial.
Mooren FC, Krüger K, Völker K, Golf SW, Wadepuhl M, Kraus A.

J Nutr Biochem. 2007 Dec;18(12):785-94. Epub 2007 May 2.
Effect of almond skin polyphenolics and quercetin on human LDL and apolipoprotein B-100 oxidation and conformation.
Chen CY1, Milbury PE, Chung SK, Blumberg J.

Simopoulos AP
Omega-3 fatty acids in inflammation and autoimmune diseases.
J Am Coll Nutr. 2002 Dec;21(6):495-505.

Mozaffarian D1, Wu JH.
Omega-3 fatty acids and cardiovascular disease: effects on risk factors, molecular pathways, and clinical events.
J Am Coll Cardiol. 2011 Nov 8;58(20):2047-67. doi: 10.1016/j.jacc.2011.06.063.

Denis I1, Potier B, Heberden C, Vancassel S.
Omega-3 polyunsaturated fatty acids and brain aging.
Curr Opin Clin Nutr Metab Care. 2015 Mar;18(2):139-46.

Hilden T.
The influence of arterial compliance on diastolic blood pressure and its relation to cardiovascular events.
J Hum Hypertens. 1991 Jun;5(3):131-5.

Mori TA
Omega-3 fatty acids and cardiovascular disease: epidemiology and effects on cardiometabolic risk factors.
Food Funct. 2014 Sep;5(9):2004-19.

Neukam K1, De Spirt S, Stahl W, Bejot M, Maurette JM, Tronnier H, Heinrich U.
Supplementation of flaxseed oil diminishes skin sensitivity and improves skin barrier function and condition.
Skin Pharmacol Physiol. 2011;24(2):67-74.